Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Approvo

SEMINARIO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI E DOCENTI

Al fine di offrire a Dirigenti scolastici e docenti un supporto tecnico e suggerimenti opportuni, al fine di implementare azioni utili a coprire i rischi che quoridianamente si corrono,  il 9 maggio prossimo presso l'I.C. F De Roberto in  Catania  sarà tenuto un Seminario dal titolo "Responsabilità del dipendente pubblico e tutele assicurative".

Sarà presente il vice presidente nazionale ANP R. Romito e tecnici ed esperti di tutela ssicurativa.

Il Seminario avrà inizio alle ore 9,30 con chiusura dei lavori alle ore 13,30.

In allegato la locandina del seminario e di seguito il link dei materiali utili che i soci potranno scaricare con accesso all'area riaservata del sito ANP nazionale.

Video e slide dei seminari per dirigenti sulla 'Responsabilità del dipendente pubblico e tutele assicurative'

Il seminario è aperto a tutti i dirigenti scolastici e docenti (Alte professionalità della scuola), soci e non, della provincia di Catania, Messina, Siracusa, Ragusa ed Enna.

Al fine di predisporre gli aspetti organizzativi è opportuna la prenotazione di iscrizione al  seguente link: Iscrizione seminario

Ai partecipanti sarà rilasciato attestato di partecipazione.

l'USR Sicilia deve chiarire la composizione dei NEV

Una chiara rischiesta di chiarimenti viene avanzata dal Presidente regionale M. Franzò sulla scelta operata dall'USR nel comporre i NEV necessari per la valutazione dei Dirigenti scolastici siciliani.

Mentre  l'ANP  è  stata passata  ai raggi X per verificare quanti dei colleghi, che occupano funzioni all'interno della struttura, facevano parte degli elenchi degli idonei e successivamente dei NEV si ritiene che lo stesso metro non sia stato usato per le altre sigle sindacali, sia rappresentative che non.

Un doveroso chiarimento è dovuto al fine di rendere uguale l'applicazione delle disposizioni impartite dal MIUR.

In allegato la nota del Presidenye Franzò al Direttore regionale Altomonte.

FUN 2016/17 e riparto tra le regioni - presa di posizione di ANP regionale

In allegato il decreto del DG MIUR Dipartimento per la programmazione e le risorse umane e finanziarie e la nota del presidente regionale al fine di avviare immediatamente il tavolo tecnico  che consenta la velocizzazione della contrattazione.

Notificato al MIUR ed USR lo stato di agitazione dei Dirigenti scolastici

Con atto formale è stato notificato agli uffici competenti lo stato di agitazione dei dirigenti scolastici sulla base dell'Atto di Indirizzo del Consiglio Nazionale dell'ANP.

In allegato i due documenti.

 

Leggi al link- ANP - Stato di agitazione

Allegati:
Scarica questo file (comunicato stampa del 03 Aprile  2017.pdf)Atto di notifica all'USR Sicilia[ ]261 Kb

Si colpiscono ancora l Dirigenti Scolastici

Da qualche tempo è in atto una campagna di deleggitimazione e di denigrazione nei confronti dei Dirigenti scolastici da parte di vari ambienti.

Ci si chiede: a quale scopo?Chi ci guadagna?

Non ci si rende conto che attaccare i Dirigenti, che ogni giorno sopportano il peso di una struttura organizzativa che non ha eguali per responsabilità e obblighi nei confronti sia di organismi istituzionali che delle famiglie ed alunni, significa ancora una volta colpire l'istituzione che ancora permette una qualificazione e l'acquisizione di cultura ai nostri  giovani.

Per troppo tempo si è cercato, nel silenzio, di dare quelle risposte operative che fanno esprimere a moltissime scuole buone pratiche ammirate e spesso premiate sia in Italia che all'estero.

Adesso basta, si è deciso di rompere il silenzio e di legittimamente pretendere rispetto e tutela della dignità per l'intera categoria.

L'ANP nazionale, l'unica associazione che ancora difende ed è dalla parte dei Dirigenti scolastici, ha approvato in seduta nazionale un ordine del giorno che qui di seguito si riporta.


ll Consiglio Nazionale dell’ANP, riunito in Roma il 18 febbraio 2017, udita la relazione del Presidente nazionale Giorgio Rembado e i successivi contributi raccolti in sede di confronto e di dibattito, ne approva all’unanimità linea, contenuti e proposte operative.

La presente contingenza politica evidenzia una forte virata rispetto ai principi e alle novità che la legge 107/2015 si proponeva di introdurre nel sistema scolastico italiano, nella prospettiva di una sua significativa responsabilizzazione e modernizzazione.

L’Intesa sindacale del 30 novembre 2016, l’Accordo del 29 dicembre 2016, l’ipotesi di CCNI sulla mobilità del personale docente e non docente del 31 gennaio 2017, i lavori preparatori per la revisione del Testo Unico sul rapporto di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni, costituiscono le espressioni concorrenti di un’unica spinta controriformistica, che mira a mettere in discussione alcuni fondamentali capisaldi, quali:

  • il rispetto della gerarchia delle fonti tra legge e contratto;
  • la difesa dei diritti degli utenti del servizio scolastico;
  • la valorizzazione del ruolo del Dirigente scolastico.

L’avvio del confronto relativo alla prossima apertura di una nuova stagione contrattuale sembra ignorare, al momento, l’esigenza fondamentale di commisurare i livelli retributivi all’effettivo carico di responsabilità che le norme attribuiscono ai Dirigenti scolastici e di perequarne la retribuzione a quella degli altri dirigenti della pubblica amministrazione.

Di fronte a questa complessiva pericolosa involuzione politico-sindacale, che tende a portare le lancette dell’orologio indietro di almeno un decennio, l’ANP intende affermare con tutta la necessaria fermezza le sue posizioni, per altro già rese pubbliche in sede di audizione parlamentare e di confronto con il Ministro, e agire a tutela della funzione sociale dei dirigenti scolastici e del connesso riconoscimento economico.

Il Consiglio Nazionale dell’ANP, a tal fine, delibera all’unanimità:

  • di dare mandato alla presidenza nazionale di tenere aperto un confronto serrato con l’Esecutivo e con il MIUR che contrasti la deriva in corso e faccia salvi i capisaldi della riforma scolastica;
  • di promuovere Assemblee sindacali dei Dirigenti scolastici in tutte le province, in modo da rendere la categoria consapevole della posta in palio e della necessità di difendere il proprio ruolo e le proprie funzioni;
  • di predisporre l’organizzazione di una Manifestazione Nazionale della categoria, soprattutto nel caso in cui le richieste dell’ANP dovessero restare inascoltate;
  • di sollecitare l’intera categoria ad una mobilitazione generale, con il fine di tenere alta l’attenzione sul tentativo di depotenziare la funzione dirigenziale nella scuola e di ignorare la richiesta di un riconoscimento economico che non può essere ulteriormente rimandato.

Inizia un percorso di mobilitazione della categoria professionale.

Ricerca con Google

Loading